Posizionamento marketing: quanto conta per le società di consulenza?

Posizionamento marketing: quanto conta per le società di consulenza?

Sei un imprenditore che si occupa di consulenze B2B e trovi difficile vendere e comunicare i tuoi servizi sul web? Niente paura, non sei il solo: per chi ha una società di consulenza è spesso molto complicato riuscire a sfruttare Internet per trovare nuovi clienti. Questo accade perché si offrono prodotti non tangibili, quindi più complessi da illustrare e comunicare. Inoltre, quando un'azienda è alla ricerca di servizi di consulenza, spesso si affida al passaparola o al consiglio dei colleghi. Sappiamo che per le società di consulenza non è semplice confrontarsi con un simile contesto. Tuttavia, se si sceglie di investire e lavorare sul proprio posizionamento marketing, la situazione può cambiare notevolmente: vi spieghiamo perché.

Differenziarsi dai competitor

Una società che desidera rielaborare la sua strategia di comunicazione deve partire dalla brand positioning, cioè dal posizionamento. Il posizionamento di una marca è un processo che permette di individuare i pilastri su cui basare la comunicazione aziendale. L'obiettivo è riuscire a far percepire al cliente il proprio business come rilevante e differenziato rispetto ai competitor. Il posizionamento è uno strumento importante per le piccole e medie imprese, che non devono sottovalutarlo. Permette, infatti, di rendere ben chiari nella mente del consumatore i punti di forza del brand, i motivi per cui preferirlo ad altri. Per questo, dare un posizionamento marketing al proprio brand è fondamentale se si vuole emergere in un settore piatto e omologato come quello delle consulenze B2B.

Posizionamento di un brand già avviato. Strategie di rebranding

Per lavorare sul posizionamento del brand non occorre che il brand sia appena nato. Questa attività può essere attuata anche su brand già avviati, ma che hanno bisogno di rinnovarsi: non è un caso che il brand positioning sia alla base di molte strategie di rebranding. Le aziende, infatti, non possono mantenere immutata la loro immagine anno dopo anno, perché cambiano i prodotti, le esigenze dei clienti, il contesto. Attraverso il rebranding, un'impresa non si limita a modificare la sua veste grafica ma cerca di essere più coerente nei confronti del target, dei suoi bisogni. Mira a creare un legame emotivo con i consumatori. E per fare tutto questo, è necessario agire sul posizionamento della marca.

Posizionamento marketing per la consulenza B2B: i nostri clienti

A questo punto, vi raccontiamo come abbiamo aiutato alcune realtà del settore, StudioMarino, Mat ArchitetturaBeSafe, a migliorare il loro business lavorando sul posizionamento. Queste società offrono alle aziende servizi di consulenza e si sono affidate a noi con l'esigenza di riposizionarsi sul mercato, per rispondere meglio alle sfide future.

Per questo motivo, insieme a loro, abbiamo:

  1. Studiato un posizionamento del brand che li differenziasse rispetto ai competitor;
  2. Creato un'identità forte e ben riconoscibile;
  3. Realizzato con costanza contenuti coerenti con il target e i loro valori;
  4. Cercato i migliori canali per comunicare con il target, ad esempio sfruttando i social, come LinkedIn o coinvolgendo le aziende durante eventi del settore.

Tutte queste azioni, mantenute e rafforzate con altre attività nel corso del tempo, hanno garantito alle aziende di differenziarsi sul mercato. Anche il loro business è incrementato. 

Risultati: quando arrivano?

Come testimoniano le nostre case history, lavorare sul posizionamento può realmente fare la differenza per le società che si occupano di consulenza. Tuttavia, bisogna tenere presente che la vera potenza del posizionamento del brand risiede nel tempo. Infatti, in questo caso, si ragiona su obiettivi di medio-lungo periodo ed è necessario attendere almeno un paio d'anni per godere appieno dei risultati. 

Il nostro consiglio è quello di non perdere tempo e iniziare fin da ora a lavorare sul posizionamento marketing della vostra società. 


Stampa   Email